Come l’acqua nel vetro

di Bruna Piacentino

Come l’acqua nel vetro

di Bruna Piacentino

Come l’acqua nel vetro

di Bruna Piacentino
1 minuti di lettura

Adesso 

arriva

la parte più difficile:

abbracciare in ginocchio le mani

congiunte di tagli e di spine, frenetiche macchine,

erranti di droga

e volgerle in alto, stordite di pianto

rotte di perdita e nuovi abbandoni. 


Nella saggezza che avvolge il mio tempo

arriva il momento, placido e lento

dove mi sveglio, e lenta convengo

che eterno rimani a darmi la forma, 

a scongiurarmi la dissipazione,

 la scissa tendenza dell’acqua dispersa,

che roccia e cotone, cocci di botte

contieni e conforti il pianto la notte.


Sei sempre rimasto, fisso e sicuro

a contemplare l’inerme esistenza, 

di incubi e sogni rimasti un po’ indietro

chiusi ed avvolti come l’acqua nel vetro. 

di Bruna Piacentino,all rights reserved

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli Correlati