IECUR FICATUM

IECUR FICATUM Lontani, i pensieri più non si possiedono. Più non l'anima percepisce il riflesso del peso che s'affonda di in là, in là perisce. Col mare a incontrarsi: più in là, più in là. Più oltr... Leggi tutto...
occhi

L’amore negli occhi

Credo che questo verde incanto sia il posto giusto perché possa sfogliarmi il libro delle nuove scoperte, dei pensieri più occulti. Si può cullare un'anima guardandola, come fai all'altare delle tue gi... Leggi tutto...
roma

Maturità

Cosa sei, Roma, dopo il crollo delle illusioni? Cosa sei, dopo le speranze disattese, il peso della solitudine, il frastuono dei tram, i volti amorfi? Ti vedo, immobile davanti ai mie... Leggi tutto...
grazia

Lieve di grazia

Scovami zitta sul fondo del viale, di freddo e di foglie sola e morente, dal ciglio del fuoco calante serale, al seno del sole neonato d'Oriente. Fermati il passo, lieve e gentile, porgimi ferma e cortes... Leggi tutto...
metro

Metro A

Metro A In questo sottile cunicolo di terra sei faccia che ho atteso e sguardi che ho perso, non ti sono distante ma di cercarti non ho voglia sicura di averti legato all’umanità di cui non conosco il ... Leggi tutto...
addio

Cordoni d’addio

Come una madre in grembo di legno, di sogni e visioni d'incanto entusiasta, vite da scrivere così ti ricordo: dietro alte colline e sommi pilastri, stelle polari nelle notti di panico. Ai seni avvinghia... Leggi tutto...
torre

Le vele alla Torre

Tanto ti ho odiata, offesa nel cuore per quelle speranze assopite, per quelle vedute ristrette di mare e di sabbia ammutolite. Tanto parlavi di sale e libeccio, che bella e superba danzavi tra i ricci ... Leggi tutto...