Alice nel paese delle scimmie

di Sabrina Cicala

Alice nel paese delle scimmie

di Sabrina Cicala

Alice nel paese delle scimmie

di Sabrina Cicala
2 minuti di lettura

È sempre la solita, questa Alice! Non impara mai. Si intrufola sempre dove non dovrebbe, e si ritrova coinvolta in una marea di guai… Stavolta, mentre si dedica al suo hobby preferito, stalkerare quel povero Bianconiglio che non sa proprio cosa deve aver fatto di male nelle vite precedenti per meritare una simile tortura, ecco che le cade una noce di cocco in testa e precipita in una buca di una talpa che la catapulta in un altro mondo. Un mondo molto diverso dal Paese delle Meraviglie: il Paese delle Scimmie. Scimmie, che, si sa, non sono poi così intelligenti, no? Tanto è vero che la scambiano per Tarzan, il capo della foresta che è scappato ed è stato sostituito dalla temibile tigre. Alice farà la conoscenza di Eddy il Mandrillo che subito si offre di trovarle quello che ha perso…la memoria! L’unica cosa che Alice sa è che non è Tarzan, e che con Tarzan ha veramente poco in comune, forse solo le unghie dei piedi! Eddy la porterà dalla Scimmia Saggia, che tantosaggianonè, che vive nello scheletro di Pong, la scimmia più grande del Paese delle Scimmie. Scimmia Saggia sciamanizza con un “pizzico di rapa, spinaci, cipolla…hop hop!” ed è pronta la zuppa, che costringe la povera Alice a mandar giù. “Sii sincera…è schifosa o super schifosa?” Grazie al potere della zuppa rivoltante riescono a scoprire da dove viene Alice (SPOILER…Il paese delle meraviglie!) e la Scimmia Saggia che tantosaggianonè le dirà come ritornare a casa. Alice e Eddy vivranno un’avventura rocambolesca, inseguiti dalla tigre che non riesce a farsi rispettare e rischia di farsi sbranare dai piranha, incontrando sulla loro strada una enorme pianta carnivora, Ella, che è diventata vegetariana (o cannibale, in questo caso?) che si è stancata di stare sempre ferma e ha voglia di avventure, e si rivelerà un elemento prezioso della stramba compagnia…Per un finale davvero inaspettato!alice

Una storia inaspettatamente divertente, con continui battibecchi e scambi di battute (o battutacce!) tra personaggi bizzarri e originali a cui è impossibile non affezionarsi. Una storia che farà divertire tutti, grandi e piccini, che non riusciranno a smettere di leggere per vedere stavolta come se la caverà, la piccola Alice.

alice

Le tavole sono un tripudio di colori, un’esplosione di divertimento ed avventura.

La storia si presenta in una curata ed originale edizione pubblicata dalla cara Bao Publishing, che si impegna sempre a svuotarci le tasche, per un totale di 128 pagine interamente a colori al prezzo di 16€. A metà volume c’è una sorpresa, infatti ci ordinano di capovolgere il libro…e ritroviamo la stessa identica storia in bianco e nero e con tracce della matita blu che ha creato questa straordinaria storia. A fine lettura c’è anche una serie di illustrazioni di Alice e dei suoi compagni di avventura realizzate da autori provenienti da tutto il mondo, che hanno voluto omaggiare questi buffi personaggi.

di Sara Cicalaall rights reserved

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli Correlati

referendum

Referendum:
le ragioni del No

18 minuti di letturaDomenica siamo chiamati ad esprimerci su temi di assoluta centralità per il futuro del sistema della giustizia italiana. Eppure, i quesiti introdotti

LEGGI TUTTO

La Sicilia secondo Camilleri

5 minuti di letturaLa Sicilia secondo Camilleri. Capace di scrivere nel suo studiolo freneticamente e per molte ore di seguito, generoso come pochi altri “maestri”

LEGGI TUTTO