Si spegne su sto focu la spiranza da Sicilia

borsellino1

Si spegne su sto focu

la spiranza da Sicilia.

 

Orba la vita su sti macerie

ca ammazza la giustizia e

a virità comu u suli chiù putenti

comu u cielu chiù azzurro.

 

Mi nni vai currennu pi stu golfo

insanguinnato.

M’aiu a scurdari a carni to abbrusciata

pi li vermi

pi li figghi

di ‘ndrocchia ca l’Italia

vonnu futtiri.

 

Io ti pensu e ti stringo

lu tu pinseri vola e rimane

su sta città ‘ncantata e disonesta.

 

Ti taliù abbruscicari mentri

vai via pi nun turnari.

 

Curru curru cchiù forti

per gridari all’u munnu interu

ca a to voci mi cunsula

a to forza non è smarrita.

 

Sta terra infame ti congiurò

e i spadde ti votò

ma t’abbrazzo chi me mano

pi ttia ca si l’unico vero italiano.

 

A Paolo  Borsellino  19-07-2012

 

Pietro Maria Sabella All rights reserved

 

 

La felicità è quel pezzo di alba che, mordendo il mare, per istinto si aggrappa al cielo con tutte le sue forze.

  • Maricia

    Potente, bellissima!