Perché ogni uomo uccide la cosa che ama…

servility_by_RidgeviewxKid

“Egli non indossa il suo abito rosso

perchè vino e sangue sono rossi,

E vino e sangue erano sulle sue mani

Quando lo trovarono con la morta,

La povera donna che egli aveva amato

E che egli aveva assassinato nel suo letto.”

Se vi foste chiesto di indovinare, di chi potrebbero essere questi versi secondo voi?

Provate ad azzardare un’ ipotesi.

Non barate, cercando di scorrere il testo.

Si parla di un omicidio. Dunque…Edgar Allan Poe?

Vi do un indizio. L’ autore era solito portare un girasole all’occhiello.

Questa è una ballata. “La ballata del carcere di Reading”.

Venne composta nel 1897, dopo che lo scrittore in questione ebbe scontato la sua pena. Due anni di pena. Reato di sodomia. Fu condotto in prigione in seguito a una brutta caduta che gli aveva provocato un ascesso all’orecchio. Dopo essere stato lasciato sotto una pioggia battente e schernito dalla folla. Dopo essere stato rasato a zero, come fosse un animale senza intendimento. Né sentimento. Egli. L’ alfiere della Bellezza.

Non è una poesia d’amore. E’ una poesia anche. Anche sull’ Amore.

“‘L’ uomo aveva ucciso ciò che amava

E per questo doveva morire.”

Dell’ assassino non ci restano che tre iniziali. C. T. W. Un membro della Guardia Reale a cavallo. Non ci viene detto di più. Perchè sarebbe superfluo. Ridondante, perfino.

Perchè lui ha a che fare con me. Lui ha a che fare con te. Probabilmente, lui ha a che fare con tutti noi. Nessuno esente.

“Eppure ogni uomo uccide ciò che ama,

e che questo lo sentano tutti

alcuni lo fanno con uno sguardo amaro

altri con una lusinga

il codardo lo fa con un bacio

il prode con una spada.”

Fermatevi un minuto. Per un intero minuto. Fermatevi.

Ricordate.“Eppure ogni uomo uccide ciò che ama…”.Si parla anche di voi. Quando è successo? Perchè sì, è successo. E quale arma avete impugnato? E com’è stato? Com’è stato?

E, comunque sia andata, a voi non sarà chiesto di rimirare solo un tassello di cielo. Uno spiraglio che s’apre nello sguardo. Una sbarra che taglia a metà, inclemente, la Libertà  dell’ autodeterminazione. La Possibilità.

“Io non ho mai visto un uomo che guardasse 

Con occhio così ansioso

verso il minuscolo lembo d’azzurro

Che chiamano cielo i prigionieri

Perchè ogni uomo uccide ciò che ama

Eppure nessuno di loro deve morire.”

Lui, l’ uxoricida in questione, “dondoler “. E’ questo il termine specifico. “Swing”. Come quel genere musicale che si balla in modo così concitato. Nelle carceri inglesi questo verbo indicava un’azione. Essere impiccati. E un tempo. Una scadenza. Un ticchettio schizofrenico di lancette. Nel giro di tre settimane.

Nel carcere di Reading non c’è spazio per la Pietà . Perchè Giustizia è Giustizia. E come quei carcerati condannati a camminare perennemente in cerchio, qui il cerchio deve chiudersi. La colpa, ouroboros famelico, torna nella colpa. E sangue evoca sangue.

L’aggettivo che più atterrisce durante tutta la Ballata è “Wistful”. “Ansioso”. Ciclicamente. Costantemente. Ripetuto. Come certe forme di silenzio. Come certe sale d’attesa dalle pareti immacolate. Come quella morsa dentro lo stomaco che piega il corpo. Come il modo in cui si spera che… Ma qui non c’è da sperare. Non è l’ansia del Dubbio.

A voi non sarà  chiesto di non tornare nell’abbraccio di chi avete scelto di amare. Non sarete citati in giudizio. Non sarete ammantati di vergogna. E la libertà  di una nuvola non vi apparirà  cosa tanto strana. Avrete il diritto di vivere una e una sola, desiderata, agognata, vita.

“Poiché chi vive assai più di una vita/ deve subire assai più di una morte.”

La Ballata della Prigione di Reading è un monito. È un avvertimento. È una sentenza che, forse, ancora non è passata in giudicato.

Perché, forse, a ciascuno di noi è concesso di essere per se stesso imputato, testimone e giudice.

Questo componimento è una Responsabilità  che vi viene chiesto di assumervi . È un errore che non dovrete permettere. È un martello che non dovrete battere. È la colpa di cui siete. Di cui siamo. Rei. È. Quel bacio con cui avete pronunciato un addio. È quella lusinga spesa per accaparrare. È. Quello che non siete stati in grado di spiegare sul bordo di un letto. È quella frase che, col senno di poi, vi siete pentiti di aver frivolamente sussurrato in un venerdì sera qualunque. Dopo le commedie. Dopo i fraintendimenti. Dopo il cinismo. Dopo aver indossato il costume di moderni dandies. Dopo esservi sentiti Oscar Wilde.

Dopo Oscar Wilde.

Questo. Oscar Wilde.

 

Hai presente la sensazione che si avverte quando ci si sveglia dopo una colossale sbronza? Quando ancora il mondo è in apnea. E pare lo stiano allestendo. Per te. E hai. Dio se ce l'hai. Quella vaga percezione di aver vissuto qualcosa di Fantastico. E qualcosa di Terribile. Prova a pensarci... ci passiamo tutti. Prima o poi. Se uno scrittore riesce a farti provare questo. Sapere qualcosa di lui non può aggiungere nulla.

  • Mary

    “Questo amore spiato
    Perché noi lo spiavamo
    Perseguitato ferito calpestato ucciso negato dimenticato
    Perché noi l’abbiamo perseguitato ferito
    calpestato ucciso negato dimenticato
    Questo amore tutto intero
    Ancora così vivo
    È tutto soleggiato
    È tuo
    È mio
    È stato quel che è stato.”

  • berenice

    Le alucce sono una mentita spoglia,
    le frecce nel turcasso sono artigli,
    la coroncina cela due cornetti,
    anche Cupido, senza dubbio alcuno,
    con tutti gli altri dei belli e sereni,
    è un piccolo demonio travestito.
    Goethe

  • http://www.evedelirio.com Eve Delirio

    La vostra eleganza è impareggiabile.